Already a member? Log in

Sign up with your...

or

Sign Up with your email address

Add Tags

Duplicate Tags

Rename Tags

Share This URL With Others!

Save Link

Sign in

Sign Up with your email address

Sign up

By clicking the button, you agree to the Terms & Conditions.

Forgot Password?

Please enter your username below and press the send button.
A password reset link will be sent to you.

If you are unable to access the email address originally associated with your Delicious account, we recommend creating a new account.

URL: http://gattusometro.blogspot.com/2011/08/la-svolta.html

Un omaggio?: La svolta

Dopo attenta analisi, sono giunto alla conclusione di aver fallito con le donne. Il mio non è un banale problema di timidezza o di difficoltà di approccio; è proprio che quelle mi odorano, mi capiscono, e non mi vogliono. È proprio che non sono credibile.Forse mi manca un piano industriale serio; molto probabilmente non sono riuscito a individuare un obiettivo che convincesse i mercati e ora galleggio nel limbo di una mancata specializzazione che oggi, nel 2011, non si giustifica più, come certi ristoranti che avevano delle pretese ma che non sono mai diventati di lusso e di cui nessuno ha mai scritto sulle guide più in voga.Voglio dire: sono un tipo abbastanza brillante, so conversare, dico a volte delle cose anche acute e interessanti; però un uomo davvero intelligente è fatto in un'altra maniera e quelle che si orientano su quel settore non possono certo prendermi in considerazione. E anche quanto alla sana e carnosa apparenza, posso dire di avere un fisico discreto e dei tratti non malaccio, ma c'è comunque di molto meglio, e non posso mica andare in giro a lamentarmi se non mi si considera un Adone. Per quanto riguarda la gentilezza, la correttezza, la capacità di ascoltare invece non mi battono, perché i miei sono modi all'antica che in pochi ormai ricordano e che paiono impeccabili agli occhi delle signorine disabituate; ma le donne sono animali strani, e sentono che dietro la forma squisita c'è una sottile lastra di freddo metallo che mi impedisce di stimarle per davvero o tantomeno di piegarmi ai loro voleri. Allora si tengono stretti i loro rozzi cavalieri, che blaterano e abbaiano ma che in fondo si fanno plasmare e guidare come tanti bambocci.Ed è così che sono diventato un cicisbeo: come un bombo svolazzo qui e là, senza costrutto, senza avere mai nulla di vero e di importante da dire, senza provare mai nulla.

Tags:

raccontini

Share It With Others!